xebir logo mvp orizzontale psm1 small  cdac safe sixsigma yellow belt mini  mcpd agileiot logo  ac2 logo

  • Categoria: ALM
  • Visite: 75

Il Fattore Tempo dell’Obiettivo Sostenibile

Nel mondo Agile, il team è praticamente alla base di ogni aspetto operativo, tant’è che uno degli elementi primari che da coach affrontiamo è quello di “creare il team” in quanto “cellula vivente”, non considerando come team singole persone sedute adiacentemente.

Non potrebbe essere altrimenti, visto che questo aspetto è il succo del primo Valore del Manifesto: Persone e Iterazioni, più che Processi e Tool ed è anche il cuore dei movimenti che cercano di guardarne l’evoluzione, come Heart of Agile e Modern Agile, senza dimenticare Lean.

Ma, per quanto non sia mai semplice supportare questo percorso di amalgamazione, le azioni cambiano in funzione anche ad una considerazione profonda rispetto al motivo stesso di esistenza del team: siamo in presenza di un team di mercato (o di prodotto) o un team di progetto?

Per prodotto intendiamo un manufatto che soddisfi un’esigenza di uno o più stakeholder e che richiede un supporto appropriato per poter essere “consumabile” ed evolvibile nel tempo. Per progetto, invece, un’azione limitata nel tempo, sia relativa ad un prodotto che isolata da altri contesti.

SelfOrgTeam

Nel caso del team di mercato, il lavoro sarà proprio quello di creare una squadra orientata a soddisfare i propri clienti, andando così a lavorare sui concetti tanto cari al mondo Agile come: team cross-funzionali, skill t-shaped, comunicazione, collaborazione e così via. In questo caso il Fattore Tempo è legato agli impegni rispetto al mercato e non è un elemento caratterizzante il team.

Nel caso del team di progetto, le dinamiche possono essere completamente differenti. Il caso più articolato è quando il team viene “assemblato” per realizzare una iniziativa isolata, portando al tavolo persone che prima si conoscevano appena (o non si conoscevano affatto) e sono appartenenti anche ad aree organizzative diverse o, addirittura, a fornitori diversi. In questo scenario, il Fattore Tempo scandisce l’esistenza del team, un po’ come nel film Time Out, del 2011, dove la vita delle persone è scandito da un orologio biologico artificiale e ogni azione o acquisto comporta una riduzione del tempo a disposizione, spingendo, dualmente, a sacrificare il superfluo per aumentare o mantenere stabile quello residuo.

timeout film

L'orologio biologico artificiale del film Time Out

Partendo da queste considerazioni, come possiamo aiutare il team, sapendo che ogni azione comporta una riduzione del tempo alla base stessa della sua esistenza? Prima, probabilmente, bisogna fare un passo indietro e chiedersi perché in una tale situazione si voglia adottare un approccio Agile che predilige, come detto, il concetto di stabilità del team e orientamento alla soddisfazione del cliente, e se le motivazioni sono convincenti (prima di tutto per il Business!), andare ad intervenire in funzione dell’Obiettivo Sostenibile

Provo ad esplicitare questo concetto con un esempio: se so già che il team a fine progetto verrà sciolto, potrei provare a concentrare l’azione di coaching sulle pratiche più tecniche orientate all’aumento della qualità, piuttosto che dedicare il tempo all’adozione di un framework come Scrum. Potrebbe infatti bastare una Kanban-like board, con gli elementi essenziali inerenti alle Storie e alcune metriche annesse, per favorire una maggior comunicazione tra i membri del team, evitando di “consumare” troppo tempo.

Ecco, qui si evidenzia ancora una volta come l’esperienza, la caparbietà e lo spirito di osservazione di un coach possono fare la differenza nel portare l’Agile anche in quei contesti che, a prima vista, sembrano fortemente disfunzionali, evitando di cadere nella trappola di pensare che Agile significhi appendere post-it al muro [cit. Giulio Roggero]!

 

Stay tuned J