mvp orizzontale  psm1 small  cdap safe sixsigma yellow belt mini  mcpd agileiot logo  ac2 logo

Ridatemi il Tachimetro!

Dopo aver partecipato allo splendido evento che risponde al nome di Better Software 2014, conclusosi ieri, eccoci a parlare nuovamente insieme di ALM e VisualStudioOnline.

Uno degli elementi che è emerso durante la 2gg di Firenze, è la necessità di ridurre il gap comunicazionale tra il management (Program e Portfolio) e gli assett operativi aziendali. In quest’ottica, è evidente che parlare, per esempio, ad un CEO o un CFO di Story Point, Sprint, Review, ecc.. ecc.. serve solo a confondere le idee e non ci aiuta ad avere un’organizzazione più dinamica, in grado di cogliere le opportunità emergenti e di soddisfare le aspettative degli stakeholder.

Il Management (Portfolio in particolare) si aspetta di avere delle metriche e di verificare se le nuove Iniziative messe in campo ne stando condizionando il trend in modo positivo. Fortunatamente, gli strumenti di BI che ci consentono di fare ciò sono decisamente maturi, ma spesso alla loro potenza si associa una complessità non irrilevante, sia di set-up, sia di gestione e sia di fruizione.

Se si ha bisogno di un quadro minimale, VisualStudioOnline/TFS ci viene incontro per un’analisi diretta dei dati contenuti nel Repository di progetto grazie alla funzionalità Chart, direttamente gestibile tramite la Web App generale dell’ambiente e attivabile da Work->Queries.

vso chart 1

VSO Query/Chart

Vediamo ora come utilizzare questa interessante funzionalità per mostrare l’evoluzione del progetto e l’andamento del lavoro al nostro management, in maniera più vicina alle loro esigenze.

Prima di tutto creiamo una nuova query di esempio, selezionando, in questo caso, tutti i work item presenti, indipendentemente dal tipo e dallo stato:

vso chart 2 simple chart query

Simple Chart Query

Salvata la nostra query (attenzione a selezionare il folder “Shared Queries”, altrimenti non sarà possibile effettuare il pin sulla home), passiamo alla funzionalità di definizione dei diagrammi (“chart”) e selezioniamo “New Chart”:

vso chart 3

New Chart

Sulla sinistra possiamo scegliere la tipologia di diagramma che vogliamo realizzare (Torta, Istogramma, Pivot, ecc..) mentre nell’area evidenziata in verde settiamo i parametri di riferimento per la generazione dello stesso:

vso chart 4

Scelta del tipo di Chart e settaggio delle informazioni

Una volta raggiunto il risultate desiderato, salvate il tutto.

A questo punto non ci resta che legare il diagramma alla home della nostro Team Project: attiviate il menu del diagramma che volete “pinnare” e scegliete “Pin to Homepage”

vso chart 5

Pin-to-Homepage

Se tutto è andato per il verso giusto, vi ritroverete una home page più “comunicativa” con il vostro cruscotto informativo bello in vista:

vso chart 6

VSO Home with Chart

Come visto, si tratta di uno strumento, entry level, semplice da attivare ed utilizzare, ma di estremo impatto comunicativo. Quando avrete bisogno, e vi assicuro che la domanda è proprio “quando” e non “se”, di uno strumento più raffinato in grado di fare analisi da più fonti e incrociare i dati per creare metriche di dettaglio, potrete pensare di dare uno sguardo a Power BI, nominato di recente da Forrester “Leader in Agile Business Intelligence”.

Chiudo con un OT, ringraziando gli organizzatori di Better Software per l’accoglienza e l’ottima qualità della manifestazione e, segnalandovi, le slide del mio intervento (http://www.slideshare.net/felicepescatore/agilescale-portfolio-level) se volete approfondire gli aspetti legati alla Gestione Olistica aziendale.