mvp orizzontale  psm1 small  cdap safe sixsigma yellow belt mini  mcpd agileiot logo  ac2 logo

L'innata iperbole recondita dell'inutilità degli strumenti freddi

Lunedì mattina presto, viaggiando in pullman, mi sono imbattuto in una situazione già vista diverse volte, ma che in questo caso mi ha fatto riflettere: per circa un’ora, ovvero per tutta la durata del viaggio, un tizio è stato letteralmente incollato al portatile, scrivendo email di risposta ai vari colleghi. La cosa che più di tutte ha stimolato la mia riflessione, oltre l’orario, è che l’atteggiamento complessivo (postura, smorfie facciali, ecc.) dava l’impressione che questa persona si comportasse come se dovesse recuperare il “tempo perso del weekend”.

laptop travel

La sensazione è stata rafforza vedendolo tirare quasi un sospiro di piacere quando abbiamo incontrato un rallentamento… tempo in più per le mail!

Sia chiaro non è il lavorare in viaggio che mi ha stupito, visto che anch’io, quando sono in treno (nel pullman non riesco in alcun modo a causa del rumore, degli spazi limitati e del modo “fantasioso” di guidare degli autisti), utilizzo il tempo per lavorare e per approfondire le tematiche che professionalmente mi interessano.

Piuttosto, sono le particolari caratteristiche di contesto che mi hanno fatto riflettere, portandomi a ripensare a quanto siano importanti i Valori e i Principi Agili che metto le Persone al centro di tutto, evidenziando la necessità di mantenerle motivate (“Build projects around motivated individuals”). Sesso discorso per una la vista organizzativa “Energize People” di Management 3.0.

Come si può immaginare di essere produttivi e dare il meglio di sé, se il lunedì mattina alle 6.00 siamo già in queste condizioni? Arriveremo in ufficio stressati dal primo minuto, soprattutto perché l’abuso di strumenti freddi, email in primis, ci porta ad avere una sensazione dell’incompiuto perenne, quasi vergognandoci di dedicare il giusto tempo a noi stessi e ai nostri cari.

incompiuto

Non è possibile immaginare di essere sempre “immersi” nel lavoro, per quanto appagante sembri, perché questo non ci consente di respirare, confrontarci al difuori della sfera professionale, e arricchire le nostre azioni con contaminazioni esterne.

E poi… basta con tutte queste email! “Face to Face conversation”… parliamo con i nostri colleghi, con i nostri clienti, collaboriamo con loro per trovare la giusta quadra in funzione degli obiettivi e delle necessità che dobbiamo soddisfare nell’immediato, con un occhio a quelli generali.

Per darvi un’idea di come la comunicazione tramite email possa essere assurdamente istituzionalizzata, date un’occhiata alla “Email Etiquette: Guidelines for Writing to Your Professors” (https://www.math.uh.edu/~tomforde/Email-Etiquette.html), che spiega agli studenti della Houston University come scrivere una email ai propri professori.

Ad onor del vero, la “guida” si chiude con un “Do Not Use Email as a Substitute for Face-To-Face Conversation”, ma sembra più che altro una cosa buttata li per dovere.

Il succo di tutto il discorso è che non bisogna mai “vergognarsi” di ritagliarsi i propri spazi, staccare la spina e ricaricarsi: non si tratta di un plus, ma di un obbligo che anche l’organizzazione per cui si lavora deve tenere in conto. È un dovere nei riguardi del proprio collaboratore, ma anche un elemento di vantaggio competitivo, potendo contare su Persone che sentono di avere un giusto equilibrio, andando a soddisfare i propri desideri intrinseci.

Stay tuned J