xebir logo mvp orizzontale psm1 small  cdacda consortium  safe sixsigma yellow belt mini  mcpd shortless cert agileiot logo  ac2 logo

Un Leader non è per sempre… meglio non essere Chief di se stessi

Devo ammetterlo: non riesco a trattenermi dal sospirare ogni qual volta, in una organizzazione che si ispira all’Agile, incontro qualcuno che aggiunge ai ruoli specifici il suffisso “Chief”, trasformando di fatto quel ruolo in una posizione di implicito comando.
Se ho la fortuna di lavorare con persone che amano mettersi in gioco, e sono predisposte nello sfruttare l’ironia come strumento di crescita, spesso scherzo evidenziando come “Chief” mi ricordi il noto detersivo,

cif spruzzatore

e di come, tale suffisso, potrebbe indicare, in chiave Lean (DevOps), una persona che ispirandosi alle 5S e al concetto di Servant Leader, si occupi di pulire la scrivania dei propri colleghi per aiutarli a migliorare la propria organizzazione locale. Di certo non è il “capo”!

poster 5s leanproducts

Le 5S di Lean

Al di la del “suffisso” (che potrebbe essere anche “chief”, vista l’implicita accettazione che ormai gli si associa), è innegabile che una visione complessiva di un’azienda in chiave Lean/Agile richieda l’aggiunta di diversi ruoli di coordinamento, ma la loro “istituzione”, se avviene a freddo e senza coinvolgimento dal basso, rischia di trasformarsi in una nuova piramide organizzativain cui c’è un “capo” che da degli “ordini” espliciti ai subalterni, piuttosto che un Leaderin grado di ascoltare, risolvere le problematiche e guidare, quando necessario, le Persone con autorevolezza e raramente (se dicessi “mai” sarei poco realista) con autorità.

La questione, chiaramente, è riuscire a coltivare delle Persone che sviluppino le caratteristiche primarie di un Leader, riassunte nell’esplicita infografica di Alessandro Ferrari, andando al di là del titolo assegnato e dell’atteggiamento di aver raggiunto una “posizione” di comando sugli altri.

leader infografica

Un’azienda che ha la bravura, e un pizzico di fortuna, di far crescere i propri Leader, non ha bisogno di assegnargli titoli che richiamino il “comando”, perché queste Persone sono implicitamente riconosciute al suo interno come “trascinatori”, contemplando il fatto che ogni membro dell’organizzazione può diventare Leader in qualsiasi momento, catalizzando l’attenzione dei propri colleghi.  

Ciò, ovviamente, implica che un “Leader non è per sempre” solo perché è un “chief”, ma deve guadagnarsi tale riconoscimento giornalmente sul campo per non trasformarsi, nella migliore delle ipotesi, in “chief di se stessi”.

Stay tuned J