xebir logo mvp orizzontale psm1 small  cdacda consortium  safe sixsigma yellow belt mini  mcpd shortless cert agileiot logo  ac2 logo

La rilevanza del Piano B

Si è appena chiusa l’edizione 2018 del Coach Camp Italy

Due giornate condite da spunti, riflessioni e discussioni legate alla tematica del Coaching Agile, nel panorama magnifico di Garda e del suo lago. Una grande agorà in cui è stato possibile confrontarsi con gli esperti italiani e non solo (forte la presenza degli omologhi tedeschi).

In particolare, durante la sessione “Resident Coach, Consultant Coach… DOs and DON’Ts”, si è discusso delle azioni che ci si aspetta da un Coach, soffermandosi in modo specifico sulla domanda: “ma un Coach esterno è un Consulente nella tradizionale accezione dell’esperto che deve fornire risposte?”

acci 2018 1

La questione può sembrare solo “filosofica”, eppure ha generato un’ampia riflessione, sintetizzata dall’ottimo Alessandro Giardinache ha evidenziato come, alla fine, i partecipanti abbiano concordato sul fatto che le azioni di un Coach non dovrebbero dipendere dal suo status di dipendente/consulente. Questo perché le attività sono sostanzialmente le stesse: dalla capacità di guida, a quella di supporto e sprono alla trasformazione. Il bandolo della matassa si è sciolto quando è emerso come il problema, in realtà, sia nell’idea che l’agile Coach è un “consulente esperto di Agile” e non un Coach in senso lato che, per definizione, è qualcuno che aiuta gli altri negli specifici ambiti sfruttando le proprie attitudini e conoscenze.

La discussione si è poi estesa, virtualmente, nel pomeriggio con il panel “Be a Coach” in cui ci si è soffermati sulle pressioni che un Coach “interno” può subire quando è rigidamente inquadrato nell’organigramma, cosa che potrebbe pregiudicarne la libertà d’azione in funzione delle dinamiche di management e di “capi” poco inclini agli aspetti tanto cari al mondo Agile (self-organizing team, continuous improvement, fail fast/fail often, ecc).

acci 2018 2

Quanto emerso è che il Coach deve essere capace di creare una forte Empatia con il contesto interessato, e conquistare la necessaria Fiducia per avere un ruolo di leadership nel percorso di trasformazione e rinnovamento.

Molto interessante l’idea del “Plan B”: avere un piano di riserva se non si è messi nelle condizioni di operare in modo indipendente nel proprio ambito professionale. Bisogna sempre essere alla ricerca del proprio State of Flow.

 

Chiudo ringraziando gli organizzatori del Coach Camp Italy 2018 e tutti i professionisti che hanno reso le giornate fruttifere e di indubbio valore.

Stay tuned J