xebir logo mvp orizzontale psm1 small  cdacda consortium  safe sixsigma yellow belt mini  mcpd shortless cert agileiot logo  ac2 logo

La difficile equazione dell’introspezione adattiva

Quando penso e parlo di DevOps, il mio focus è sempre rivolto al valore nobile della Continuous Delivery: produrre costantemente (e non velocemente!) valore per gli stakeholder, interni o esterni che siano.

Si tratta di temi fondamentali, in funzione della verità assodata che oggi ogni azienda è una software house, ovvero che nessuna organizzazione può fare a meno di un nucleo IT che sviluppa soluzioni abilitanti per il business.

Durante i vari workshop e le azioni di coaching, prima o poi, salta sempre fuori una domanda: “Ma queste cose a loro [ai Manager] verranno dette?” “Faranno anche loro [i Manager] lo stesso corso?

Sembra quasi che i Dev e gli Ops farebbero tutto (poi “tutto” bisogna capire cosa sia) domattina, ma il loro freno sono sempre i responsabili che non vogliono ragionare e investire sulla trasformazione Culturale che io dico, affermo e riaffermo, essere indispensabile. Se non lo si fa, si condanna l’azienda ad una sopravvivenza forzata e non la si mette nella condizione di innovare e guardare ai nuovi traguardi

Poi, però, quando cominciamo a soffermarci sul ruolo che Dev e Ops devono avere in tutto ciò, le facce cambiano espressione: 

Non dovete più ritenervi coder, ma professionisti in grado di usare tecniche e tecnologie innovative per innovare il Business”.

Molte volte si stenta a capire l’importanza di questa frase, perché significa, in soldoni, assumersi responsabilità guardare oltre il proprio monitor.

Eppure, la realtà è così! 

Non esiste il “DevOps Engineer” (si tratta di un Sistemista che sa usare i tool di automazione per il deploy… chiamiamo le cose con il loro nome per favore), ma esiste una organizzazione che abbraccia DevOps (Lean, Agile, quello che preferite) avendo come obiettivo l’Enterprise Agility, ovvero essere in grado di rispondere prontamente al mercato, guardando al proprio interno, ma al contempo contribuendo a formarlo.

Non si tratta più di trovare il programmatore più bravo nello scrivere codice, si tratta di trovare il professionista che sa dove mettere le mani, ma che è in grado di supportare un cambiamento continuo in relazione alle nuove sfide che si presentano.

nerd vs thinker

Bisogna tornare a PENSARE!

I manager non sono persone generalmente “ottuse” e capiscono bene il valore dei diversi elementi di cui discutiamo, solo che anche loro sono trascinati nell’operatività giornaliera e spesso hanno difficoltà a fare quello che dovrebbe essere il loro obiettivo primario: mettere in atto quanto necessario per le prossime sfide, non quelle attuali, perché se siamo in quest’ultimo caso… è già tardi!

In pratica dobbiamo allontanarci dall’idea di essere “macchine banali” e riappropriarci del nostro essere “macchine non banali”, ovvero un giacimento di risorse inesauribili.

Ricordate sempre: il vero valore è nelle Persone e non nel codice scritto!

Stay tuned J