xebir logo mvp orizzontale psm1 small  cdacda consortium  safe sixsigma yellow belt mini  mcpd agileiot logo  ac2 logo

L’inconfutabile momento del “come”

Durante l’evento DevOps Heroes 2018, abbiamo avuto modo di riflettere su DevOpse di come esso sia un volano per la competitività aziendale, partendo dall’assunto che:

            “ogni azienda è un’azienda software, indipendentemente dal settore diapplicazione”

Molti gli spunti di riflessione, tecnici/tecnologici e metodologici.
In particolare voglio sottolineare una pillola emersa durante la round table “Il grande fallimento di DevOps” (titolo chiaramente provocatorio), riguardo al cosiddetto DevOps Engineer

Personalmente sono stato sempre estremamente contrario ad utilizzare questo titolo, o altri similari, all’interno di un’organizzazione che si incammina nel percorso di trasformazione DevOps. Ho ascoltato con attenzione, però, il parere di Scott Ambler(opsite dell’evento) che ha suggerito un approccio più morbido rispetto a questo tema: secondo Ambler, può aver senso avere questo ruolo all’interno dell’organizzazione, purché sia un ruolo temporaneo, ovvero una sorta di “specialist” che supporta i team (e gli operations in particolare, visto che viene generalmente associato a loro) nell’apprendimento delle pratiche di automazione della pipeline di rilascio.

today devops engineer

Si tratta, in sintesi di un Coach tecnicoche, come tale, ha primariamente lo scopo di supportare la crescita tecnicae consentire rapidamente al team di muoversi in autonomia.

In pratica, è il ruolo del Coach ad evolvere ulteriormente, arricchendosi di nuove capacità specialistiche, e, probabilmente, evidenziando ulteriormente come l’idea che sia sufficiente un solo Coach per una trasformazione DevOps sia fortemente limitativa, perché difficilmente è possibile abbracciare i vari aspetti ormai richiesti.

Esiste a questo punto anche un ulteriore aspetto rilevante: la maggiore centralità chel’HR(o People Management) continua ad acquisire. Se dobbiamo portare a bordo nuove persone, l’HR dispone degli strumenti necessari per individuare e scegliere i nuovi profili? Ha la capacità di guardare avanti, settando nuovi percorsi di crescita per le Persone che lavorano nella propria organizzazione? È in grado di comunicare adeguatamente i Valori dell’organizzazione in modo da renderla attrattiva agli occhi dei potenziali candidati?

agile hr

Tutti aspetti che oggi sono sotto la lente di ingrandimento, tanto che nei vari percorsi di trasformazione l’HR è sempre più presente e costantemente ingaggiato. E altre aree organizzative sono alle porte: sales, marketing, PMO, architecture, ecc.

Segno definitivo che non è più tempo di chiedersi “se”avviare una trasformazione Agile (o DevOps se volete), ma l’unica domanda che conta è“come” iniziare il percorso di rinnovamento

 

Stay tuned J