xebir logopsm pspo  cdacda consortium  safe sixsigma yellow belt mini cal1 mtsless cert agileiot logo  ac2 logo

Agile Montessori, un esperimento di riflessione pedagogica

Nel mio lavoro quotidiano capita continuamente di far riferimento ad altre discipline, spesso non tecniche, per cerare di supportare il lavoro in team e l’evoluzione delle diverse dinamiche che interessano la collaborazione di un’intera organizzazione.

L’azione di coaching è complessa, caratterizzata da un mix di trainingapplicazione pratica osservazione di ciò che accade nell’ambiente specifico, andando in qualche modo a ripensare alla netta suddivisione con cui si presenta tradizionalmente il modello SHU-HA-RI che, pur restando un ottimo punto di partenza, non rende del tutto evidenza del fatto che tali fasi, in un percorso di trasformazione, non sono “lineari” ma “continue” e riattivabili all’occorrenza.

La cosa che mi entusiasma da sempre è la consapevolezza che un Coach non è un “formatore” ma è un “educatore” che facilita il percorso di cambiamento andando ad intervenire sull’Ambiente per facilitarne l’attuazione.

In tutto questo, complice anche la mia rinnovata esperienza da genitore, sto scoprendo moltissime affinità con una figura chiave della pedagogia mondiale, Maria Montessori. Se il nome non vi dice nulla, sicuramente non avrete dimenticato la signora riportata sulle vecchie “mille lire”.

millelire montessori

Ebbene, quella signora è proprio Maria Montessori!

Non entro qui nella sua biografia (potete trovare un’introduzione sintetica su quest’ottimo sito: montessori4you.it), quello che però proverò a fare nei prossimi post è proporre un’analogia tra i principi e gli aspetti cardini del Metodo Montessori con quello che quotidianamente affrontiamo durante una trasformazione Agile.

Un po' azzardato considerando che il Metodo Montessori si rivolge alla pedagogia infantile, mentre il nostro target tipo sono professionisti impegnati in attività produttive? 

Forse, ma vi assicuro che i punti di contatto sono molti e proverò a discuterne con voi, invitandovi a seguirmi nel viaggio che parte con questo primo post e dall’illuminante concetto montessoriano di Educazione Cosmica.

educazione cosmica

L’Educazione Cosmica, nel senso etimologico di Universale Ordine (origine greca), si basa sulla prospettiva di avere una visione che correla tra loro tutte le materie di studio, contrapponendosi al Caos che si genera quando ognuna di essa è considerata in senso esclusivo e non inclusivo.

I più attenti avranno inconsciamente elaborato una similitudine con quella che da Agilisti chiamiamo Visione Olistica di una Iniziativa Opportunità da perseguire, in cui tutte le persone necessarie al raggiungimento dell’obiettivo collaborano tra loro mettendo a fattor comune le proprie competenze, capacità ed energia. 

Così come, a livello più operativo, l’assonanza con il concetto di team cross-funzionale e l’abbattimento dei Silos è più che evidente.

Ecco, questo è il viaggio in cui vorrei trasportarvi, fatto di parallelismi e spunti di riflessione. Nessuna pretesa di trasformarmi in un pedagogista, cosa che richiede attitudini, anni di studio e specifiche competenze, ma la volontà di provare a delineare le caratteristiche di un facilitatore che deve comportarsi come il contadino: una volta piantato il seme, può solo aiutare la piantina nella crescita, ma non può di certo condizionarla o modificarne il naturale sviluppo.


Stay tuned ;-)