xebir logopsm pspo  cdacda consortium  safe sixsigma yellow belt mini cal1 mtsless cert agileiot logo  ac2 logo

Agile Montessori, ampliare l’ambiente

Abbiamo imparato con il tempo a conoscere, e quasi tollerare, l’eterno dilemma e dibattito della “terza wave” dell’Agilità: Scaling or not Scaling?

Ci sono discussioni aperte in questo ambito che, probabilmente, non avranno mai fine, a partire da quella che deriva dalla più classica delle domande: “Qual è il miglior framework di Scaling?” Domanda che, dopo anni di sperimentazione sul campo, mi permetto di dire essere essenzialmente sbagliatanella formulazione stessa.

agilemontessori scaling

Scaling Frameworks

Non si percorre un percorso di trasformazione Agile affidandosi ad un framework o ad una metodologia in modo dogmatico, imbrigliando così la nostra capacità di reagire alle evidenze ed imparare da esse nel contesto specifico. Giusto per provare a chiarire in modo semplice: un framework dà delle linee guida lasciando ampio spazio di manovra alla contestualizzazione, una metodologia cerca di descrivere passo passo le azioni da compiere per ottenere un risultato. Calato nel mondo Agile possiamo fare due esempi molto esplicativi: Scrum è un frameworkeXtreme Programming è una metodologia (qualcuno potrebbe storcere il naso, ma questo è quanto esplicitamente evidenziato in “Extreme Programming Explained”).

Ora, qual è il concetto base di quando parliamo di Scaling? Al centro c’è sicuramente l’ampiamento dell’ambiente di riferimento, amplificando direttamente i problemi tipici che negli approcci base (come ad esempio Scrum) sono concentrati sul singolo team.

Cosa significa comunicare tra più team? Cosa significa condividere la realizzazione di un prodotto tra più team? Sono solo esempi di domande a cui è necessario rispondere.

Ricollegandoci al Metodo Montessori, la dualità che risulta evidente è l’estensione degli interessi che ogni bambino concretizza nel secondo piano di sviluppo (che va dai 6 ai 12 anni). In tale piano, in cui il bambino si avvia verso l’età adolescenziale, si sviluppano tre necessità essenziali:

  • Ampliamento, ovvero confrontarsi con uno spazio di riferimento più ampio rispetto a quello familiare che, in precedenza, era al centro della propria esistenza
  • Astrazione, grazie alla quale il bambino comincia a fattorizzare le esperienze e a sviluppare “pattern mentali” che consentono di riportare nuove esperienze a quelle già vissute, riducendo il rumore delle “piccole differenze”
  • Etica, si sviluppano i concetti di “giusto” e “sbagliato” in relazione alla cultura e all’ambiento specifico

agilemontessori astrazione ampliamento sensomorale

Ampliamento, Astrazione, Etica

La condizione essenziale per permettere questa crescita è quella della libertà d’azione in un ambiente che però sia predisposto per svolgere la propria attività con intelligenza.

E qui torniamo alla discussione iniziale con cui abbiamo aperto: un framework di Scaling può sicuramente essere utile, astraendo diversi aspetti specifici e suggerendoci un modo di procedere che possa essere adattato al nostro contesto. Lo stesso deve però lasciare ampio spazio alla personalizzazione e alla possibilità di valutare rapidamente i risultati, in modo da essere “il proprio framework” e non “quello di…”.

Scoprire la propria Way of Working, è questo il senso del discorso, perché

tutti i framework di Scaling (o le metodologie) sono utili, ma tendenzialmente sono tutti sbagliati, essendo ogni contesto unico!

Lo Scaling si focalizza sull’Ampliamento dello spazio di riferimento, però questo non vuol dire per forza che le azioni devono complicarsi, potendosi estendere in relazione ai nuovi fattori (è un po' il concetto di De-Scaling spesso invocato dai fautori di LeSS, ad esempio). Per fare questo, il concetto di Astrazione, così come rappresentato in pieno in Disciplined Agile, aiuta a tenere il punto nei vari ambiti, pur consentendo di scegliere la soluzione contestuale opportuna e rivederla rapidamente se non produce i risultati sperati. Il percorso è accompagnato dallo sviluppo di un’Etica che permette di costruire la propria Agilità, individuando gli strumenti, le azioni e le relazioni che dimostrano concretamente di funzionare. Si pensi ad esempio alla strutturazione multi-team di SAFe con un unico Product Backlog (e specifici Team Backlog), spesso presa a modello anche da altri framework di Scaling anche se con nomi diversi.

Ecco, questo è il punto focale: avere una Vision definita che viene rafforzata da quanto accade concretamente sul campo, dimostrandosi pronti a sperimentare in chiave Validate Learning con Actionable Metrics.

Stay tuned J

Tagged under: agile, lean,,