xebir logo mvp orizzontale psm1 small  cdacda consortium  safe sixsigma yellow belt mini  mcpd shortless cert agileiot logo  ac2 logo

La negazione dell’evidenza iniziale

Esiste una sorta di mito, di leggenda, che si annida tra i corridoi degli Agilisti: lo Sprint 0!

Come molti di voi sapranno, lo Sprint 0 (nella Scrum Guide) non esiste, ma è spesso un modo per giustificare la necessità di avere una fase/momento pre-Sprint 1 in cui si valutano gli aspetti cardini di una nuova iniziativa e si dà il benestare definitivo alla stessa.

L’utilizzo di “Sprint 0” è un tentativo di legare a Scrum una serie di attività che SchwaberSutherlandnon hanno codificato direttamente nel loro framework, e la sua istituzione, più o meno formale, è un retaggio delle precedenti wavedell’Agile che tentavano di conformarsi a tutti i costi ad un modello, trovano dei workaround adattativi tutt’altro che chiari e trasparenti, in completa antitesi a quanto proposto dall’agile stessa che parla di trasparenza continuo adattamento.

Generalmente, io preferisco esplicitare lo Sprint 0, anche noto come Lift-off/Kick-off/ecc, identificandolo come Inception della iniziativa, così come suggerito da Disciplined Agile. La cosa fondamentale è che in questa fase (si, ho detto fase J) ci si concentri su tutti quegli aspetti fondamentali e irrinunciabili per "partire con il piede giusto”.

dad inception goals 2019

DAD Inception Goals

Per esperienza diretta, così anche come raccontato da AmblerLines(ma non solo, la letteratura è piena di casi concreti), gli 8 obiettivi riportarti in figura sono fondamentali: bisogna sempre prenderli in considerazione durante l’Inception, anche se, ovviamente, una parte di essi può essere derogata o assorbita perché, di fatto, già risolto. Si pensi ad esempio a “Form Team”: se la nostra organizzazione è basata su team stabili, che magari lavorano insieme da tempo, la questione si può spostare sull’individuare il team più adatto e/o disponibile, piuttosto che sul crearne uno nuovo e preparare il relativo ambiente.

Personalmente, quando affronto una fase di Inception, specialmente se all’inizio dove generalmente è presente solo un’idea di massima dell’iniziativa, utilizzo un mio framework attuativo composta da 4 step(Inception in Action) con cui supporto la room a supporto del progetto focalizzandoci su:

  • Indentificare lo Scope Iniziale, in modo da mettere a fuoco il cuore stesso della nuova iniziativa
  • Sviluppare una Visione Comune, per avere una condivisione dei goal, frutto di un’approfondita discussione e di un confronto trasparente, e produrre un primo draft del Product Backlog
  • Identificare i Rischi, azione troppo spesso sottovalutata in Agile
  • Sviluppo di un Piano iniziale di Release, fondamentale per inquadrare le attività nel contesto del portfolio aziendale

inception in action 1

Inception in Action

Per ognuno degli step è possibile usare una serie di strumenti e tool a supporto, che aiutano la concentrazione dei presenti e supportano la sintesi dei risultati.

inception in action 2

Inception in Action

A questo punto, non vi resta che sperimentare e costruire il vostro framework per una Inception trasparente e di valore.

 

Stay tuned J

Tagged under: agile, alm,