xebir logopsm pspo  cdacda consortium  safe sixsigma yellow belt mini cal1 mtsless cert agileiot logo  ac2 logo

PMI Disciplined Agile: Disciplined Agile DevOps (pt.4)

Continuiamo ad esplorare Disciplined Agile, concentrandoci sul livello immediatamente successivo a Disciplined Agile Delivery, ovvero Disciplined DevOps.

da f1

Disciplined DevOps è la concretizzazione disciplinata del principio della Continuous Delivery, ovvero un efficiente Value Stream in grado di portare continuamente nuovo valore nelle mani degli stakeholder. 

Ma cosa rende DevOps “disciplinato”?

La sintesi la si incontra nella specifica definizione data da DA:

“Disciplined DevOps is the streamlining of IT solution development and IT operations activities, and supporting enterprise-IT activities, to provide more effective outcomes to an organization.”

da disciplined devops

Disciplined DevOps

Nella sostanza, non sono solo i Dev e gli Ops chiamati a collaborare per il successo di una iniziativa di business, ma lo è l’intero ecosistema a supporto di essa

Questo aspetto è fondamentale, anche in relazione alla crescente moltiplicazioni di acronimi come: DevSecOps, DevDataOps, DevXXXOps, ecc. Non ha alcun senso inventare nuovi acronimi… tutto deve essere oliato perfettamente, grazie a cultura/pratiche/automazioni adeguate, in modo da ridurre gli sprechi lungo il value stream ed avere un processo di delivery adeguato basato su un deploy efficiente.

Proprio l’efficienza è un aspetto fondamentale: ogni attività, progetto, elemento, deve essere sempre facilmente collegabile ad una specifica iniziativa di business! Se ciò non è possibile, allora bisogna fermarsi e riflettere se ciò che si sta realizzando non sia un “tecnoware”, ovvero un’attività fine a sé stessa.

Nella sostanza, DA suggerisce di estendere gradualmente l’approccio DevOps alle varie funzioni coinvolte, in modo da far maturare progressivamente nel proprio contesto la Cultura necessaria a tale cambiamento.

da disciplined devops evo

Estendere gradualmente DevOps

Sicuramente non sorprende come il primo passo sia quello di abbattere lo “storico” muro tra Dev e Ops, abbattendo i silos comunicativi ed operativi annessi, proprio come suggeriscono le “Three Ways” di DevOps: FlowFeedback & Experimentation and Learning.

Disciplined DevOps individua 5 process blade espliciti, oltre a “inglobare” Disciplined Agile Delivery descritto nel post precedente:

  • IT Operations, fornisce un ecosistema IT affidabile. Si tratta di garantire l’opportuno livello di Quality of Servicesai propri utenti, cosa che può risultare non banale nelle organizzazioni con molti sistemi legaci e alto debito tecnico annesso. 
  • Support, anche Help DeskEnd-User support, si concentra nell’aiutare gli utenti finali a lavorare con le soluzioni realizzate. Idealmente, le soluzioni dovrebbero essere utilizzate senza il bisogno di nessun supporto in merito, ma spesso ciò non accade e il “support” è “l’ultima linea di difesa” per Deliziare i Clienti con i propri sforzi.
  • Security, il relativo focus è quello di attivare le azioni necessarie a proteggere l’organizzazione da minacce informatiche, virtuali o fisiche che siano. Ciò include procedure come la governance della sicurezzae la gestione delle vulnerabilità. Il tutto impatta sulla capacità di ripristino di emergenza e continuità aziendale, e deve essere un aspetto fondamentale della cultura organizzativa.
  • Data Management, la gestione dei dati è “lo sviluppo, l’esecuzione e la supervisione di piani, politiche, programmi e pratiche che controllano, proteggono, forniscono e migliorano il valore dei dati e delle risorse informative” [Data Management Body of Knowledge]. Per raggiungere tale scopo, DA promuove un approccio pragmatico e semplificato alla gestione dei dati che si adatta al resto dei processi IT: ottimizzare l’intero flusso di lavoro, non sub-ottimizzando la strategia di gestione dei dati. Una gestione dei dati, agile e disciplinata, è una gestione evolutiva e collaborativa, grazie a strategie concrete che forniscono i dati giusti al momento giusto alle persone giuste.
  • Release Management, si occupa della gestione dei rilasci, grazie alla pianificazione, il coordinamentoe la verificadella distribuzione (deploy) delle soluzioni in produzione. Il versioning richiede la collaborazione tra Dev e Ops, cosa che l’approccio agile può portare ad essere anche un’unica entità grazie al concetto di “you build it, you run it

da disciplined devops process blade

DevOps Process Blades

Per concretizzare ed attuare i DevOps Process blade, raggiungendo la pienezza di Disciplined DevOps, DA suggerisce una serie di strategie che afferiscono ad essi:

  • General Strategies(Collaborative work, Automated dashboards, ecc)
  • Teaming Strategies(Production hand-off, Warranty period, ecc)
  • Development Strategies(Canary tests, Split tests, ecc)
  • Operations Strategies(Solution monitoring, Standard platforms, ecc)
  • Support (Help Desk) Strategies(Online information, Online discussion forums, ecc)
  • Release Management Strategies (Release windows, Release train, ecc)
  • Data Management Strategies(Data and information guidelines, Quality data sources, ecc)
  • Security Strategies(Build “rugged software, Automated separation of duties, ecc)
  • Enterprise Architecture Strategies(Reuse mindset, Technical-debt mindset, ecc)

Dovrebbe risultare a questo punto evidente come Disciplined DevOps sia un passo fondamentale nella creazione di una organizzazione agile, consentendo di portare efficacemente la soluzione a “casa” degli stakeholder, prediligendo rilasci brevi e feedback costanti.

Si conclude così il nostro quarto appuntamento dedicato a PMI DA. Nel prossimo approfondimento guarderemo più da vicino Disciplined Agile IT.

 

Stay tuned J