xebir logopsm pspo  cdacda consortium  safe sixsigma yellow belt mini cal1 mtsless cert agileiot logo  ac2 logo

PMI Disciplined Agile: Disciplined Agile Enterprise (pt.6)

Riprendiamo il nostro viaggio attraverso Disciplined Agile, andando ad esplorare l’anello più olistico del toolkit, ovvero: Disciplined Agile Enterprise (DAE).

da f1

Con i process blade di livello DAE, DA supporta lo sviluppo di una organizzazione in grado di abbracciare una Cultura Agile a tutti i livelli, adottando strumenti che le permettono di rispondere rapidamente ai cambiamenti del mercato.  È utile sottolineare, ulteriormente, che le diverse aree di DA vanno intese in senso evolutivo: i benefici tangibili e continuativi si ottengono se esse si sviluppano partendo dal centro (DAD) verso l’esterno (DAE) e non scegliendo solo quello che ci è “comodo”.

Una DAE, in particolare, affronta le sfide di mercato grazie ad una cultura che favorisce il l’apprendimento e l’evoluzione continua, in modo da adattarsi costantemente alle mutevoli esigenze del mercato di riferimento, spesso di tipo VUCA (Volatilità, Incertezza, Complessità e Ambiguità). In questo contesto, DAE si fonda su tre considerazioni primarie:

  • Ogni azienda è un'azienda di software. Tutte le attività produttive moderne sono basate sul software: anche se non si è una software house, senza software non è possibile fare business! Il dipartimento IT non può essere visto come un “centro di costo” da tagliare, emarginare ed esternalizzare, ma deve essere al centro dell’azione aziendale perché tale è il suo compito. Bisogna eccellere nell'IT se si vuole avere un’opportunità di emergere (e sopravvivere) nel proprio settore di riferimento.
  • Nessuno può ritenersi al sicuro. Non esistono più condizioni di monopoli, in nessun settore: da quello bancario a quello delle macchine industriali pesanti. Basta un nuovo competitor innovativo, che rivoluziona l’approccio al mercato o al prodotto, per condannare l’organizzazione all’estinzione. La domanda non è “quando accadrà anche a me”, perché sta già accadendo ora, la questione è decidere se si vuole essere leader o tentare di sopravvivere finché la fine (certa) non arrivi.
  • Le aziende Agili saranno le uniche a sopravvivere. Per rispondere alle sfide moderne, in un mondo complesso, è indispensabile essere adattivi/reattivi/empirici, costruendo la propria visione di agilità. Non esiste un settore dove queste caratteristiche non facciano la differenza, nemmeno uno. 

Nello specifico, quando si arriva a concentrarsi sulle sfide inerenti una DAE, vengono introdotti (come focus) i seguenti process blade:

da dae processblades

DAE Process Blades

ovvero:

  • Business Operations: focalizzato sulle attività necessarie per fornire servizi ai clienti e supportare i prodotti. Tra esse troviamo: l’help desk, i servizi finanziari(bancari e non), le attività di supporto tecnico, ecc. Come è intuibile, nell’ottica di “deliziare” il cliente, è necessaria una stretta collaborazione con le tue attività di vendita e marketing.
  • Control: i team operativi devono collaborare strettamente con le aree finanziarie e legali, in modo da avere consapevolezza delle risorse disponibili e dei vincoli di azione esistenti, mitigando gli ostacoli che si potrebbero incontrare.
  • Finance: la Disciplined Agile Financesi concentra su obiettivi concreti ed essenziali come garantire il flusso di cassaassicurarsi che il budget sia speso adeguatamenterispetto degli obblighi di tassazionetracciamentoe registrazione delle 
  • Legal: lo scopo primario è quello di garantire che l’organizzazione lavori entro il rispetto delle normative vigenti nel territorio in cui opera. Il legal teamlavora, inoltre, alla definizione di “contratti agili” che consentono di estendere l’agilità oltre il perimetro aziendale, in collaborazione con il people management, il marketing, il procurement, ecc. 
  • Marketing: il suo obiettivo è lo sviluppo di interazioni di successo tra l’organizzazione e il mondo esterno. Il marketing si muove “a due vie”: per i clienti, rappresenta l’organizzazione stessa e le sue offerte, per il resto dell’organizzazione, i (potenziali) clienti. In collaborazione con la gestione dei prodotti, il marketing è attivamente coinvolto nella visione a lungo termine delle offerte.
  • Procurement: il suo principale scopo è quello di efficientare il processo di approvvigionamento, aiutando ad ottenere, nei tempi adeguati, prodotti e servizi da organizzazioni terze. A tale scopo, il team relativo collaborerà con altre parti dell'organizzazione per comprendere le esigenze di approvvigionamento, identificare potenziali fornitori in grado di soddisfarle e collaborare con legalper sviluppare contratti adeguati. Da punto di vista organizzativo, il team di approvvigionamento è spesso parte del team legale o comunque strettamente correlato.
  • Sales: il suo obiettivo è tanto ovvio quanto fondamentale, ovvero vendere i prodotti/servizi ai clienti. Gli addetti alle vendite, lavorano a stretto contatto con il team di marketing, per assicurarsi di essere concentrati sulle vendite che riflettono la strategia generale dell’organizzazione, oltre che con l'IT, per garantire che ciò che sta vendendo sia disponibile o possa essere sviluppato rapidamente. Sales, a livello organizzativo, è spesso combinato con il marketing o ad altre aree aziendali.

Come abbiamo visto per le altre aree, anche DAE è interessato da un workflow esplicativo che mette in relazione tra loro i diversi process blade, non solo quelli specifici appena tracciati.

dae workflow

DAE Workflow

DAE espande quindi una filosofia agile a tutte le aree organizzative, anche quelle storicamente più burocratizzate ed ingessate, promuovendo la cultura dell’innovazione continua in relazione alle sfide che il mercato di oggi (e di domani) presenta ad ogni tipo di organizzazione.

Si conclude così il nostro sesto appuntamento dedicato a PMI DA. Nel prossimo approfondimento introdurremo PMI FLEX, il framework “dinamico” che evidenzia come gestire un value stream sfruttando quanto messo a disposizione dal toolkit DA.

Stay tuned J